Correggi Crittografa contenuto per proteggere i dati in grigio in Windows 10

Correggi Crittografa contenuti per proteggere i dati in grigio in Windows 10: se condividi il tuo PC con altri membri della tua famiglia o con i tuoi amici, mantenere i tuoi dati sicuri e privati ​​è molto importante. Per fare ciò, puoi facilmente utilizzare il file system di crittografia incorporato (EFS) di Windows per crittografare in modo sicuro i tuoi dati in file e cartelle. Ma l'unico problema, non è disponibile per gli utenti di Windows Home Edition ed è necessario aggiornare alle versioni Pro, Enterprise o Education per utilizzare questa funzione.

Per crittografare qualsiasi file o cartella all'interno di Windows, è sufficiente fare clic con il pulsante destro del mouse sul file o sulla cartella desiderati, quindi selezionare Proprietà dal menu di scelta rapida. All'interno della finestra Proprietà, fai clic sul pulsante Avanzate nella scheda Generale; accanto nella finestra degli attributi avanzati spunta " Crittografa i contenuti per proteggere i dati ". Fare clic su OK per salvare le modifiche e i file o le cartelle verranno crittografati in modo sicuro.

Ma qual è l'opzione per crittografare i file o le cartelle che è " Crittografa contenuti per proteggere i dati " è disattivata o disabilitata ? Bene, allora non sarai in grado di crittografare file o cartelle in Windows e tutti i tuoi dati saranno visibili a chiunque abbia accesso al tuo sistema. Quindi, senza perdere tempo, vediamo come risolvere la crittografia dei contenuti per proteggere i dati in grigio in Windows 10 con l'aiuto del tutorial elencato di seguito.

Correggi Crittografa contenuto per proteggere i dati in grigio in Windows 10

Assicurati di creare un punto di ripristino nel caso in cui qualcosa vada storto.

Nota: è possibile utilizzare la crittografia EFS solo nelle versioni Windows 10 Pro, Enterprise ed Education.

Metodo 1: Correggi Crittografa contenuto per proteggere i dati in grigio utilizzando il Registro di sistema

1.Premere il tasto Windows + R, quindi digitare regedit e premere Invio per aprire l' Editor del Registro di sistema.

2. Navigare nel seguente percorso del registro:

HKEY_LOCAL_MACHINE \ SYSTEM \ CurrentControlSet \ Control \ FileSystem

3.Assicurarsi di selezionare FileSystem quindi nel riquadro di finestra destro fare doppio clic su NtfsDisableEncryption DWORD.

4.Si accorgerà che il valore di DWORD NtfsDisableEncryption sarebbe impostato su 1.

5. Modificare il valore su 0 e fare clic su OK.

6.Chiudi l'Editor del Registro di sistema e riavvia il PC per salvare le modifiche.

7.Una volta riavviato il sistema, fare nuovamente clic con il pulsante destro del mouse sul file o sulla cartella che si desidera crittografare e selezionare Proprietà.

8.Sulla scheda Generale, fai clic sul pulsante Avanzate in basso.

9. Ora nella finestra Attributi avanzati, sarai in grado di selezionare " Crittografa i contenuti per proteggere i dati ".

Hai corretto con successo Crittografa contenuti per proteggere i dati in grigio in Windows 10 ma se non riesci a utilizzare questo metodo per qualche motivo o non vuoi fare confusione con il registro, segui il metodo successivo.

Metodo 2: Correggi Crittografa contenuto per proteggere i dati in grigio in Windows 10 utilizzando CMD

1.Premere il tasto Windows + X, quindi selezionare Prompt dei comandi (amministratore).

2. Digitare il comando seguente in cmd e premere Invio:

set di comportamenti fsutil disableencryption 0

3. Riavviare il PC per salvare le modifiche.

4.Una volta riavviato il sistema, sarà disponibile l' opzione di crittografia nella finestra Attributo avanzato .

Consigliato:

  • Come risolvere il tethering USB non funziona in Windows 10
  • Correzione Impossibile avviare il programma perché manca api-ms-win-crt-runtime-l1-1-0.dll
  • Abilita Adobe Flash Player su Chrome, Firefox e Edge
  • Correzione dell'installazione ridistribuibile di Microsoft Visual C ++ 2015 non riuscita 0x80240017

Ecco perché hai risolto con successo Crittografa contenuti per proteggere i dati in grigio in Windows 10 ma se hai ancora domande su questo tutorial, sentiti libero di chiedere nella sezione dei commenti.

Articoli Correlati